Cadendo, la goccia scava la pietra. (Lucrezio)

martedì 5 marzo 2013

FIORE (FN): "ANALISI E RILANCIO PER UNA NUOVA ITALIA"


Fiore (FN): "Analisi e rilancio per una Nuova Italia"Il risultato di queste elezioni non lascia dubbi né incertezze: l'imponente avanzata di Grillo ha risucchiato i voti di tutti i partiti, colpendo anche Forza Nuova, che ha visto, in questa tornata elettorale, le preferenze al movimento ridursi allo zoccolo duro: un centinaio di migliaia di voti. Tutti quei movimenti e partiti anti-sistema, che, latori di proposte serie, programmi dettagliati e candidati preparati e già addentrati nella politica, e che avrebbero potuto rappresentare la concreta ed efficace alternativa alla corruzione e al malgoverno di questi anni, sono stati letteralmente sbaragliati da un fenomeno che è stato gonfiato ad arte negli ultimi mesi e che è riuscito a canalizzare il consenso degli italiani verso di sé. Questo risultato, tuttavia, non rispecchia né l’ effettivo stato di salute del movimento Forza Nuova, né la crescita effettiva del movimento sul territorio da cinque anni a questa parte, e neppure l'interesse suscitato nei cittadini dallo stesso movimento in questo mese di campagna elettorale: interesse riscontrabile negli altissimi dati di ascolto registrati da tutti i programmi televisivi in cui ci è stato dato spazio e dalla vivace presenza nelle piazze italiane. Fatto sta, che il risultato è chiaro, nella sua crudezza, e l'analisi che facciamo non può e non deve distaccarsi dalla realtà che questo risultato elettorale ci pone davanti. La tempesta che è in atto oggi nel sistema politico italiano ci rimanda a quelle vicende che nel 1992-93 videro lo stesso sistema devastato dallo scandalo 'mani pulite', quando personaggi come Craxi, che avevano provocato il corto circuito di Sigonella, furono bruscamente esautorati e costretti a finire la propria vita in esilio. Per capire ciò che sta accadendo oggi, forse, è utile proprio un paragone con cosa accadde allora: Antonio di Pietro, legatissimo alla struttura Cia-Mossad, ed in particolare alla figura di Michael Ledeen (che gli permetterà di procurarsi dei fondi imponenti), è l'uomo che, di fronte allo scenario di corruzione che si era profilato con lo scandalo “mani pulite”, attuò il repulisti, per conto degli americani, proprio nei confronti di quella classe dirigente (Craxi)che aveva provato a svincolarsi dalla tutela degli Stati Uniti. Il sistema che si è ricomposto dopo lo scandalo "mani pulite", e i cui principali esponenti furono uomini come Fini e Berlusconi, uomini di chiara impronta politica filo-americana, si è attestato nuovamente sulla completa accettazione degli accordi che posizionano l' Italia sotto la tutela statunitense. Quello che noi crediamo è che oggi Grillo (anch’ egli passato al vaglio dell' ambasciatore americano Spogli, come confermano i dossier pubblicati da alcune testate giornalistiche italiane), come Di Pietro al tempo, ricopra il ruolo di “rivoluzionario sotto controllo”. Il compito di Grillo e di chi lo appoggia, però, non è stato fra i più facili e pertanto Grillo, nei mesi precedenti al voto, in almeno dieci occasioni ci tiene a rimarcare e ad avvertire che senza di lui o dopo di lui vi è il pericolo di un' "Alba Dorata" e di Forza Nuova. Molto attento alla possibilità di sviluppo di un pericolo di questo tipo, Grillo durante la campagna elettorale modifica la sua strategia propagandistica e da una scelta iniziale di non menzionare il punto della sovranità monetaria, passa ad affermare chiaramente, nel suo comizio a Cuneo del 16 Febbraio, che "il debito pubblico va ripudiato e la Banca d'Italia nazionalizzata deve emettere denaro": esattamente lo stesso mantra che i candidati forzanovisti ripetono da qualche anno in tutte le piazze. Addirittura in una spregiudicata imitazione della simbologia di FN, un esponente del Movimento 5 Stelle ieri ha proposto agli eletti grillini di "indossare il giorno dell' insediamento in Parlamento la camicia bianca per dare un' idea di purezza e di compattezza del movimento". Le stesse camice bianche sono state adottate come uniforme e indossate in tutte le manifestazioni di Forza Nuova da un anno a questa parte proprio per trasmettere il carattere di purezza e di onestà della classe dirigente forzanovista ai cittadini. Al contrario di Grillo, Forza Nuova, in questa campagna elettorale e in tutta l' azione politica precedente, ha insistito con la conferma della propria pregiudiziale anti americana. Nel corso di una trasmissione seguita da quasi un milione di persone, ho sostenuto che le basi americane e NATO debbono essere rimosse dal suolo italiano e che l' Italia debba completamente sganciarsi dall' orbita americana, dando ulteriore forza a queste dichiarazioni con la pretesa di essere l'unica formazione politica italiana a sostenere inequivocabilmente questa tesi. La storia quindi ci insegna che questa ipoteca posta dagli Stati Uniti è sempre stata alla base della concessione del via libera per chi avanza e dello stop per chi non può avanzare. I partiti antisistema come Forza Nuova, da cui il M5S ha attinto idee, programmi e modus operandi, hanno palesemente ricevuto questo stop. E allora che fare? Allarghiamo il fronte. Forza Nuova propone a tutte le formazioni nazional-popolari,con le quali ha già intrapreso un dialogo, e ai gruppi politici e alle associazioni di cittadini anche non di ispirazione nazional-popolare, ma sicuramente antisistema (come per esempio l’ importante contributo dato dal magistrato Ferraro), di creare delle strutture sociali apartitiche di ispirazione “peronista” che creino rapidamente le difese necessarie ad evitare gli aspetti più tragici dell’ imminente default italiano. A prova della necessità di questa “operatività sociale” ci viene in aiuto un altro ragionamento dello stesso Grillo che afferma in una recentissima intervista che “la crisi non può essere fermata e che pertanto ci si dovrà organizzare a livello sociale e comunitario nell'onestà e nella solidarietà”. Non possiamo non condividere quest' interessante concetto, che, anche in questo caso, da tempo Forza Nuova porta avanti. Quindi, allarghiamo il fronte dell' azione a quella che appare essere la sfida sociale che il popolo italiano dovrà affrontare , vista la totale mancanza di volontà di qualunque governo si costituirà nei prossimi giorni, di uscire dalla morsa della BCE e delle istituzioni finanziarie internazionali. Forza Nuova deve quindi allargare l' ambito del fronte più di quanto abbia fatto prima: creare dei network di imprese sul territorio per la spendibilità di una moneta popolare parallela, creare delle colonie per l' infanzia e una rete di supporto alle famiglie, mettere in contatto le cooperative agricole con una rete di consumatori per la vendita dei prodotti a km zero, creare dei gruppi di acquisto solidale nelle città e nei paesi a livello micro-comunitario”. L'Argentina, per esempio, già nei due anni precedenti al "corralito" (il default dell'economia che comportò fame, disperazione, la caccia ai generi alimentari per intere settimane), aveva sviluppato monete locali e mercati solidali che permisero agli argentini di evitare il disastro e di iniziare un cammino di ricomposizione sociale. Il partito peronista animato da una chiara impostazione social-nazionale, fece il resto e, in pochi anni, l'Argentina uscì dal debito e sanò le sue peggiori ferite. Dobbiamo connotare questo fronte con una chiara scelta di campo, anche a livello internazionale: una scelta filo russa sul piano geopolitico ed etico, per la riscoperta della forza della tradizione contro la decadenza occidentale e contro il modello liberal americano e filo atlantico, completamente fallito, che ha portato l' Europa alla catastrofe. Questa linea è stata recentemente espressa anche in un testo prodotto da un think tank russo dal nome “Progetto Russia”, in cui si delinea, infatti, la possibile riscossa europea sulla base di quella riscossa Russa già in atto. Ad avvalorare la giustezza delle linee definite è uscito oggi il preoccupante (per loro) rapporto dei servizi segreti italiani, fortemente legati all’ atlantismo, al Parlamento Italiano, che lancia un “allarme”, secondo il quale, a seguito di un probabile intensificarsi nei prossimi mesi della crisi economica, è «ipotizzabile un'intensificazione dell'impegno dell'area dell'estrema destra sul sociale”. Segue il rapporto affermando che «si sono consolidate ed ampliate le sinergie con le formazioni europee di omologo orientamento ideologico, finalizzate alla costituzione di un comune fronte identitario connotato in chiave antiatlantica e filorussa». Detto questo ci preme affermare infine che Forza Nuova, aldilà del risultato elettorale, ha oggi la forza, la preparazione e la capacità per lanciare sul territorio una resistenza sociale credibile e coinvolgente. Le rivoluzioni non si fanno con il 40% dei voti, le rivoluzioni le fanno le minoranze preparate, forti e organizzate. Noi siamo quella minoranza che, al momento giusto, quando si sfalderanno le false promesse e i falsi idoli, sarà pronta a prendersi sul campo il consenso degli italiani, che torneranno ad essere un popolo, e non una folla. Guardando infine all’ immediato futuro, il prossimo appuntamento importante sarà l’ elezione del Capo dello Stato nelle prossime settimane: vi diamo appuntamento nelle piazze italiane poiché l’ avallo delle proposte di Grillo, che vanno da Di Pietro a Dario Fo, o quelle che vorrebbero Giuliano Amato o addirittura Prodi, provocheranno sicuramente una forte mobilitazione delle camicie bianche forzanoviste contro l’ ennesimo affronto dei poteri forti. 

Roberto Fiore

martedì 5 febbraio 2013

lunedì 17 dicembre 2012

Messina: Forza Nuova Sicilia in piazza per l'Europa delle nazioni, contro i governi e l'Europa delle banche

Messina: Forza Nuova Sicilia in piazza per l'Europa delle nazioni, contro i governi e l'Europa delle banche




Una città blindata fino all'inverosimile - solo pochi messinesi hanno avuto la possibilità di conoscere le nostre proposte a causa
dell'intera area del corteo completamente bloccata - la consueta cagnara "antifascista", con l'improbabile "resurrezione" di alcuni pseudo partigiani, e la necessità di espellere proprio alla vigilia - per sue gravissime responsabilità - l'ormai ex responsabile della sezione di Giardini, Massimo Adonia, che avrebbe dovuto occuparsi dell'organizzazione, non hanno impedito a Forza Nuova Sicilia di scendere in piazza per manifestare il proprio deciso dissenso verso la deriva finanziarista e tirannica, portatrice di fame e miseria, che l'Unione Europea, il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Centrale Europea stanno imponendo ai popoli europei.
Nel corso degli interventi finali dei dirigenti forzanovisti, che hanno insistito sulla necessità che gli stati nazionali tornino alla loro sovranità politica, economica e monetaria, i militanti del Movimento hanno dato fuoco alla bandiera UE, simbolo della tirannide dei potentati massonico-finanziari.


Forza Nuova Sicilia
Segreteria Regionale
Ufficio stampa




VIDEO

sabato 20 ottobre 2012

AGENZIA ITALIA PRESS: FORZA NUOVA AL 3,9%, SWG OCCULTA IL DATO

AGENZIA ITALIA PRESS: FORZA NUOVA AL 3,9%, SWG OCCULTA IL DATO:   "OCCULTARE PER EVITARE EFFETTI ALBA DORATA" (AIP) ROMA, 20/10/2012 – Nella giornata di ieri le maggiori testate italiane hanno pubbli...

mercoledì 1 agosto 2012

RIVOLUZIONE SICILIANA, FORZA NUOVA: 4 PUNTI PROGRAMMATICI PER UN BLOCCO POPOLARE




Questi i 4 punti programmatici che Forza Nuova - per mezzo del suo segretario regionale, prof. Giuseppe Provenzale - ha illustrato con successo sabato 28 lugl
io ad Enna, in occasione del primo incontro per la formazione della costituente del progetto popolare "Rivoluzione siciliana": 1) Sovranità monetaria (moneta complementare regionale libera dal debito, in applicazione dello Statuto siciliano) 2) Necessità di puntare all'autosufficienza e quindi alla SOVRANITA' ALIMENTARE ED ENERGETICA della Sicilia 3) Fermo contrasto ai tre livelli del malaffare: massoneria, sistema partitico, mafie 4) Preciso riferimento ai valori della Tradizione Cristiana, per una Rivoluzione che sia Ricostruzione sulla base di princìpi irrinunciabili Si è, inoltre, verificata una significativa convergenza con l'On. De Luca sul ruolo fondamentale che le Province, riacquistando le loro prerogative naturali di diretta emanazione degli interessi del territorio, sono chiamate a svolgere. Sulla base di questi 4 punti fondamentali auspichiamo, impegnandoci a lavorare subito in tal senso, la convergenza sul progetto in embrione di altre realtà - movimenti, associazioni, singoli - che abbiano a cuore la liberazione della Sicilia, il suo riscatto, la riappropriazione della sua perduta dignità, allo scopo di costituire un ampio blocco popolare rivoluzionario che sappia affrontare, al di là dello stesso momento elettorale, le imminenti battaglie. Forza Nuova, per sua natura lontana da meri interessi elettorali, intende rimanere fedele al proprio ruolo di autentico Movimento di opposizione che - oltre gli schemi desueti della destra e della sinistra - si batte dalla parte del popolo, ovunque ce ne sia la possibilità. 


Forza Nuova Sicilia 
Segreteria Regionale Ufficio stampa 


venerdì 28 ottobre 2011

CATANIA. Mobilitazione nazionale del 29 ottobre 2011

Venerdì 28 e Sabato 29 Ottobre 2011 Forza Nuova ha indetto una due giorni di protesta in tre grandi città Italiane: Roma, Milano e Catania. "Di fronte alla crisi e al malgoverno che colpiscono l' Italia, Forza Nuova dà voce a milioni di italiani che non si riconoscono più in questo governo e in questa classe politica" spiega in una nota Roberto Fiore, Segretario Nazionale di Forza Nuova "Al programma della manifestazione hanno già aderito numerose associazioni di cittadini e di lavoratori che in questo momento riconoscono in Forza Nuova e nella sua classe dirigente l' unica alternativa politica sana a questo sistema." A breve sarà reso noto il programma delle giornate per ogni città. L' adesione è inoltre aperta a tutte le categorie e i gruppi sociali che intendano aderire al nostro programma politico e scegliere il cammino della Rivoluzione Nazionale.
Per Info: sud@forzanuova.org
Contro la crisi economica creata dal sistema bancario. Contro il turbocapitalismo che affama il nostro popolo. Contro una classe politica inetta e corrotta. Per il lavoro. Per la terra. Per la famiglia. Per la sovranità. Per la moneta di popolo.
-AZZERAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO: il debito pubblico è dovuto al signoraggio ed alle speculazioni che il sistema bancario fa sulla pelle dei popoli, non pagarlo non solo è legittimo, ma in questa situazione doveroso e salvifico per l'economia e la vita del nostro paese. Dobbiamo abbattere i simboli di questo debito non dovuto, cominciando da strutture come Equitalia che assillano i poveri ed i più bisognosi perchè non sono in grado di difendersi da queste sanguisughe, mentre i potenti, i grandi evasori, possono contrattare la restituzione di parti irrosorie di debiti milionari.

-SOVRANITA' POPOLARE DELLA MONETA: solo la piena sovranità, quindi anche la sovranità monetaria renderà l'Italia un paese libero. La moneta deve essere proprietà del popolo, poichè la ricchezza che la moneta rappresenta convenzionalmente è prodotta dal popolo e non dalle banche che stampano moneta dal nulla e la prestano a tassi usurai.
-NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE: la politica nazionale ed europea hanno finora salvato le banche dal tracollo usando soldi pubblici, soldi del popolo e allora nazionalizziamo le banche, restituiamo agli istituti di credito il ruolo sociale nell'economia nazionale, cacciamo speculatori e usurai. L'Islanda l'ha fatto, il Venezuela l'ha fatto, l'Argentina l'ha fatto e hanno superato la crisi!
-ABBATTIMENTO DELLA CLASSE POLITICA MASSONICO-MAFIOSA: questa classe politica asservita ai poteri forti, ai banchieri, a potenze straniere, deve essere spazzata via dalla volontà e dalla partecipazione popolare.
-CAMBIO DEL SISTEMA DI RAPPRESENTANZA: la democrazia rappresentativa, la partitocrazia hanno devastato l'Italia. Noi proponiamo un nuovo sistema di rappresentanza che affianchi ai politici eletti in numero dimezzato rispetto ad oggi, rappresentanze delle categorie lavorative e sociali del paese che fino ad oggi hanno subito passivamente le scelte scellerate dei politici.
-PRODUZIONE NAZIONALE: l'economia si basa sullo sfruttamento del lavoro a basso costo per invadere i mercati con prodotti scadenti che illudono la gente di risparmiare, mentre in realtà lentamente si autodistrugge, distruggendo l'economia locale. L'Italia deve tornare a produrre sul territorio nazionale, no alle delocalizzazioni all'estero, no alla grande distribuzione. La terra, l'agricoltura, sono la storia, la tradizione ed il futuro del nostro paese. Dobbiamo tornare ad essere autosufficienti a livello alimentare.
-DIFESA DEL LAVORO: la delocalizzazione e la deindustrializzazione del nostro paese stanno rovinando la vita di milioni di famiglie che non trovano più lavoro a causa di un mercato squilibrato che privilegia i paesi in cui il lavoro costa zero. L'Italia deve difendere il lavoro ed i lavoratori e non la produzione ed il consumo. La piena occupazione di tutta la forza lavoro italiana è possibile e deve essere raggiunta.
E' giunto il momento di fare sul serio!
E' tempo di piazza!
E' tempo di rivolta!